All Post By

Chiara Stile

Arriva la sera, e con essa il momento della skincare. Quando credi di avere tutto sotto controllo, è proprio in quel momento che ti soffermi sul barattolo di crema idratante e ti accorgi che ormai è consumato! Ma niente panico: un’ottima soluzione potrebbe essere la maschera idratante fai da te.

Pochi e semplici ingredienti per una maschera idratante fai da te

Tutto ciò di cui hai bisogno per un’ottima maschera idratante fai da te è:

  • Una banana
  • Un vasetto di yogurt bianco
  • Un cucchiaino di olio extravergine d’oliva

La banana, famosa per la quantità di potassio che contiene, insieme all’olio extravergine d’oliva, che ha proprietà elasticizzanti e nutritive e allo yogurt bianco che dona morbidezza e idratazione, renderanno la vostra pelle fresca e luminosa.

Basta schiacciare la banana con l’aiuto di una forchetta, unire il cucchiaino di olio extra vergine d’oliva e amalgamare il tutto. Aggiungete il vasetto di yogurt, mescolate e applicatela sul viso, lasciandola in posa per 15 minuti.

Ogni volta che scattiamo una fotografia, immaginiamo un attimo prima come vogliamo che venga realizzata. Ovviamente, chi è del mestiere, sa per certo quali inquadrature utilizzare, quali angolazioni sfruttare e in che modo editare una foto affinché sia perfetta.

Oggi seguiamo i consigli di Daniele Dentamaro, fotografo professionista che da oltre 10 anni collabora con brand e privati per realizzare servizi fotografici di moda, ritratto e sport. Su Instagram è noto come Abracadabra, probabilmente perché con la sua macchina professionale realizza delle vere e proprie magie.

Come creare la foto perfetta in poche mosse

Foto di Daniele Dentamaro

1. La luce giusta:

Non sempre un momento della giornata è adatto per scattare una fotografia. Si pensi la sera, ad esempio, quando non vi è luce naturale e abbiamo bisogno di un flash per realizzare il nostro scatto. Bisogna rassegnarsi: per quanto possa essere professionale la nostra attrezzatura fotografica, la luce del mattino presto e quella del tramonto sono le più indicate per scattare fotografie indimenticabili.

2. La messa a fuoco:

Una fotografia per essere perfetta deve avere la giusta messa a fuoco: questo vuol dire che il soggetto deve essere chiaro e limpido nell’immagine. Assicuratevi di posizionare l’obiettivo alla perfezione e di avere una buona padronanza della macchina fotografica.

3. La postproduzione:

Un fattore molto importante è la postproduzione, vale a dire tutto ciò che avviene dopo la digitalizzazione del materiale fotografico. Sono in post-produzione il fotoritocco, la correzione del colore e l’ottimizzazione delle immagini. Un professionista sa come postprodurre una foto per aggiustare luci ed apportare eventuali modifiche!

Per altri consigli sulla fotografia, visitate il blog di Daniele!

La caduta stagionale dei capelli è un fenomeno che si verifica in primavera, durante i mesi di aprile e maggio, e in autunno, nei mesi che vanno da settembre a novembre. A risentirne sono sia gli uomini che le donne e che, di conseguenza, decidono di correre ai ripari utilizzando degli integratori che aiutino a rafforzare il capello e ad evitarne la drastica caduta.

La caduta stagionale dei capelli: quanto dura?

Il fenomeno della caduta stagionale dei capelli dura, in genere, poche settimane. Ovviamente, c’è da dire che bisogna distinguere una normale condizione da una patologica. Per cui, se la caduta di capelli risulta anomala e non si risolve nel giro di poche settimane ma prosegue anche dopo il cambio di stagione, sarebbe opportuno rivolgersi ad un dermatologo e non affidarsi unicamente ad internet.

Quali sono gli integratori migliori da comprare?

Oltre ad elencarvi i più rinomati, vi parlo anche per mia esperienza personale.

Attenzione: Leggi sempre l’etichetta. Segui le indicazioni del tuo medico e del tuo farmacista di fiducia. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta sana ed equilibrata.

  • Swisse Capelli Pelle Unghie: Questo integratore lo trovate sia sottoforma di compresse che liquido. Io, personalmente, ho optato per quello liquido poiché non ho mai nutrito simpatia nei confronti delle compresse. Lo sto utilizzando in questo periodo e devo dire che le unghie sembrano più forti… vi terrò aggiornate a breve! Ingredienti: Acqua; Biossido di Silicio (Silicio); Acidificante: E296; Estratto di arancia rossa (Citrus sinensis L var Dulcis, frutto e buccia); Conservanti: E 202, E 211; Stabilizzante: E 464; Aromi naturali all’arancia; Edulcorante: E955; Selenito di sodio (Selenio); D-Biotina. Qui il link.
  • L’alga spirulina:La spirulina è ricca di vitamine B1, B2, B3, ed E, ed è ricca di calcio, ferro, manganese, cromo, rame, zinco e selenio, mentre è povera di iodio e sodio. Potete trovare quella biologica in farmacia o su Amazon sottoforma di compresse.
  • Biofoltil forte Equilibra: Come recita il sito, è un integratore alimentare di  vitamine, minerali e aminoacidi solforati, con estratti di ortica, miglio e bambù. Zinco e selenio contribuiscono al mantenimento di unghie normali e insieme alla biotina contribuiscono al mantenimento di capelli normali. Inoltre, il rame contribuisce alla normale pigmentazione della pelle e alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo.  Gli estratti di miglio, ortica e bambù favoriscono il benessere di unghie e capelli.

E per via esterna…

Puoi provare il balsamo fortificante Herbalife,un rimedio efficace per fortificare i capelli e renderli resistenti e brillanti. Sul sito, inoltre, trovi un’ampia gamma di prodotti appartenenti alla linea Aloe, studiati specificamente per donare luminosità ai capelli ed alla pelle.

Aiutiamoci con l’alimentazione!

L’alimentazione gioca un ruolo di primaria importanza per avere capelli e unghie forti. Essenziale è il consumo di frutta, verdura, carne, pesce, cereali e yogurt. Tra i sali minerali non devono mancare ferro (spinaci, frutta secca, frutti di mare, pesce azzurro), rame (salmone, lenticchie, nocciole, orzo, avena), zinco (mandorle, noci, fagioli, piselli, cereali), manganese (avocado, cereali, cavoli, lattuga, bietole).

Appena tornata da Milano, entusiasta e felice per i giorni frenetici della Milano Fahion Week, non posso che pensare all’altra delle Big Four che è appena partita: la Paris Fashion Week. Parigi è già di per se sinonimo di fascino, eleganze e moda. Ma in questi giorni è veramente una scintillante capitale della moda globale. In tutto il mondo le donne, e anche gli uomini, non aspettano altro per capire quali sono i trend dell’anno. E Parigi ora prende il testimone da parte di Milano e lì le più grandi si incontrano e presentano la loro idea e la loro sfida sulla moda.

LA SETTIMANA DELLA MODA PARIGINA

A Parigi la sfilata della moda, che si tiene due volte l’anno, è organizzata dalla Fédération Française de la Couture. Ci sono due eventi distinti: le sfilate primavere/estate e quelle autunno/inverno. Dal 23 settembre fino al 1 ottobre si riunisce a Parigi il gran finale di questo fashion month con le collezioni di primavera/estate 2020. Ed è proprio il momento della Haute Couture con i marchi più famosi e internazionali.

Incantano Parigi le Maison di Christian Dior e Yves Saint Laurent. Christian Dior ha aperto la kermesse parigina con una collezione ispirata alle fotografie della sorella Catherine, musa della prima fragranza della casa francese: “Miss Dior” nel 1947. I disegni floreali ne fanno da padroni come specchio di quella donna forte e indipendente e come anche simbolo di una moda eco-sostenibile e dell’importanza della biodiversità. Diverse star sono state ospiti della Maison alla presentazione della sua nuova collezione: Chiara Ferragni, Monica Bellucci, Laetitia Casta, Karlie Kross e tantissime altre.

E poi ancora gli altri famosissimi brand come Celine, Hermès, Givenchy, Valentino, Chanel, Marine Serre.

YVES SAINT LAURENT AI PIEDI DELLA TOUR EIFFEL

fonte: Sky TG24

Meravigliosa è la collezione disegnata da Anthony Vaccariello per Saint Laurent. Quest’anno lo stilista decide di dare una lettura unica e trasformista della smoking che nel 1966 per la prima volta Yves mise nel guardaroba femminile. A concludere la passerella con una camminata grintosa e sensuale è Naomi Campbell, la “Venere Nera” icona della storia della moda, che indossa il capo di punta della sfilata: uno smoking nero ricoperto di paillettes.

Dopo aver fatto un lungo e preciso studio sulle sfilate autunno/inverno più cool, come quella di Chanel, Dolce & Gabbana o Max Mara, ho selezionato per voi alcune tendenze che mi hanno da subito conquistata. È fondamentale infatti, per andare di pari passo con la moda, selezionare i colori e gli abbinamenti più in del momento. Fidatevi di me: dopo aver letto quest’articolo non potrete fare a meno di rinnovare il vostro guardaroba!

I COLORI PREDOMINANTI

Max Mara Autunno/Inverno 2019/20

 

Per quest’inverno Chanel opta la semplicità: gli abbinamenti tono su tono, il monocromatico e le stampe fanno da padroni sulla passerella. I colori predominanti sono il grigio, l’argento, il nero e l’avorio. Abiti, tailleur e cappotti sono interamente rivestiti da tessuti come chiffon, velluto, tulle o pelliccia. Gucci e Valentino, invece, giocano sull’intramontabile rosso, da sempre colore d’eccellenza per la Maison Valentino. Alberta Ferretti e Moschino, invece, prediligono l’oro e l’argento. Ritroviamo ancora il blu, da sempre utilizzato da Giorgio Armani (talvolta anche abbinato al nero creando così giochi originali di contrasti), nella sfilata di Max Mara, che ha adottato saggiamente la scelta di convertirsi alla pelliccia “fake fur” ecologica. A mostrarci il viola è invece Michael Kors, oltre che colori più caldi come il marrone. Un must è il nero, che Dolce & Gabbana utilizza impreziosendolo di gioielli e applicazioni.

IN PASSERELLA L’ULTIMO ADDIO A KARL LAGERFELD

Dopo la morte di Karl Lagerfeld, le passerelle decidono di rendere grande omaggio allo stilista. In particolar modo la sfilata di Fendi saluta il suo direttore creativo dal 1965, presentando la sua ultima collezione. I colori giocano su tonalità calde come il marrone, beige, cognac e colori pastello. Non manca qualche dettaglio in arancione, giallo o verde acqua.

Anche Chanel piange il suo direttivo creativo, presentando lo show con un minuto di silenzio dedicato alla scomparsa del Maestro, concludendolo con le note di Heroes di David Bowie, tra la commozione delle modelle.

Ognuna di noi donne, almeno una volta nella vita, ha sognato di guardarsi allo specchio con indosso un abito nuziale. Diciamoci la verità: il matrimonio, oltre a rappresentare l’unione tra due persone, è uno dei momenti della vita in cui la donna desidera di sentirsi più raggiante possibile e soprattutto a suo agio. Nonostante io abbia le idee abbastanza chiare sul mio futuro abito da sposa (adoro l’abito a sirena), sono consapevole che molte di voi non sappiano minimamente su quale modello puntare, per cui, oggi vi aiuto io!

L’EVOLUZIONE DELL’ABITO NUZIALE

Dovete sapere che l’abito nuziale ha subito tantissimi cambiamenti nel corso dei secoli. Ad esempio nel Medioevo, quando il matrimonio rappresentava soprattutto un interesse di carattere economico, erano scelti per la sposa vestiti dai colori accesi e dai materiali molto pregiati come velluto, seta o persino pellicce, per rendere omaggio alla classe sociale facoltosa dello sposo. L’abito di colore bianco, invece, divenne una scelta molto popolare fra le spose solo intorno al 1840, dopo il matrimonio della regina Vittoria con Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha. Tutt’oggi questa tradizione è in vita come la scelta più tradizionale per il matrimonio, nonostante il bianco sia declinato in tantissime altre varianti, come l’avorio, crema o anche colori pastello come rosa e giallo. Molto ambito in Estremo Oriente, invece, è l’abito nuziale sui toni del rosso, considerato un colore benaugurante.

COME RIMEDIARE AD UN BUDGET LIMITATO

Tutt’oggi scegliere un vestito da sposa richiede senz’altro una spesa costosa, per cui una soluzione potrebbe essere quella di rivolgersi ad aziende specializzate in prestiti personali che possono realizzare il vostro sogno e farvi sentire delle principesse.

LA SCELTA 

L’elenco dei modelli di abiti da sposa è davvero lungo, e solo dopo un’accurata valutazione di ognuno di questi riusciremo a capire qual è l’abito che più si addice alle proporzioni del nostro corpo. Vediamo quali:

A SIRENA

L’abito a sirena è il mio preferito poiché esalta il corpo femminile alla perfezione. Adatto soprattutto alle più alte e formose, abbraccia le forme della donna rendendola sensuale e attraente. Se si ha una silhouette “a clessidra”, con vita sottile e fianchi e spalle in linea, questa tipologia di abito è perfetta.

A PRINCIPESSA

Quest’abito è per chi ha sempre sognato di essere una principessa: con questo vestito è possibile. In genere il corpetto, che sia scollato o meno, viene arricchito da applicazioni in strass o in pizzo. Adatto a chi ha la fortuna di avere un punto vita stretto!

CORTO

L’abito corto è forse la tipologia di abito da sposa che meno preferisco. A parer mio, non sarebbe una cattiva scelta nel caso in cui si volesse valutare un secondo cambio per la festa dopo la cerimonia in Chiesa. Sicuramente lo consiglio a chi ha un paio di gambe lunghe e magre degne di essere paragonate a quelle di una modella di Victoria’s Secret!

STILE IMPERO

Al secondo posto per me, dopo l’abito a sirena, c’è quello in stile impero. Oltre ad essere di una finezza e di un’eleganza senza eguali, questo vestito è perfetto per una cerimonia romantica e classica.

Non mi resta che augurare un in bocca al lupo e soprattutto tanta felicità a tutte le bellissime neo-spose!