Oggi voglio parlare di Dolce e Gabbana. Esatto, uno dei marchi più famosi dell’intero pianeta. Ma ho intenzione di raccontarlo in maniera diversa, mettendo in evidenza la grande passione con cui Domenico e Stefano hanno creato l’impensabile.

La storia di Domenico Dolce e Stefano Gabbana è uno di quei miracoli nella vita che capitano raramente, dove si intersecano e uniscono le vite di due persone come fossero stelle nel cielo ed illuminano la notte con dei bagliori accecanti.

È una storia di amore, di duro lavoro e di successo.

Nasce nell’Italia degli anni 80, quella della Milano da bere, della nascita della tv commerciale e della moda di via Montenapoleone. Era la Milano che si scopriva europea e dove il quadrilatero della moda imperava come nuovo polo trainante dell’economia nazionale.

Ed è proprio a Milano nel 1985 che i due, dopo essersi conosciuti in un’azienda di moda, presentarono la loro prima collezione “Real Women“, così chiamata perché a illustrarla non erano modelle, bensì donne comuni.

Non fu un grande successo, ma il destino quando chiama è inarrestabile. Soprattutto la fiducia che i due riponevano l’uno nell’altro, rende irresistibile l’ascesa. Nel 1987 a Milano aprirono il loro primo show room e poi lanciarono una linea di maglie.

Verso la fine di quel decennio, la coppia disegnò una linea di costumi da bagno e inaugurarono il loro primo negozio in Giappone.

Ma gli anni 90 furono il decennio della svolta e del definitivo successo: nel 1991 la loro collezione da uomo fu insignita del Woolmark Award, in quanto collezione da uomo più innovativa dell’anno. Il loro primo riconoscimento a livello internazionale è arrivato quando Madonna vestì un corsetto fatto di gemme e una giacchetta di accompagnamento di Dolce & Gabbana per la prima di “A letto con Madonna” al Festival di Cannes. Nel 1993 il duo disegnò 1500 vestiti per il tour Girlie Show a supporto dell’album Erotica della cantante.

Sempre negli anni 90 lanciarono il loro primo profumo Dolce e Gabbana Parfum.

Il gruppo era ormai diventato una potenza globale e disegnava vestiti per vip di tutto il mondo. Nel frattempo lanciarono una seconda linea casual D&G che vendeva vestiti, occhiali da sole, borse e quant’altro.

Il nuovo millennio ormai ci presentava una realtà forte, globale e consolidata.

Dolce e Gabbana disegnavano vestiti per i tour internazionali di artisti come Beyoncé e arrivarono a partecipare anche all’Ophra Winfrey Show negli Stati Uniti.

Ricevettero premi e riconoscimenti, come ad esempio la nomina di designer dell’anno da parte di FHM nel 1997 o gli Élite Style Awards nel 2004.

Nel nuovo secolo il duo scoprì un particolare connubio con il mondo del calcio, che culminò nell’accordo con il Chelsea di Roman Abramovich, per il quale disegnarono le divise da gioco e le tenute fuori campo.

La moda di Dolce e Gabbana ha tratto ispirazione da molti aspetti. L’origine siciliana di Dolce influenzò, ad esempio, la collezione fall-winter 1987-1988 che si chiamava “la Sicilia”. Ed è immortalata per sempre la campagna pubblicitaria di Ferdinando Scianna con Marpessa, dove l’abito nero diventava desiderabile ed irresistibile, ispirato dal “look da vedova” delle donne meridionali.

Le stampe animalier rappresentarono l’anima Dolce & Gabbana, sensuale e potente, ma allo stesso tempo femminile e delicata.

Il marchio Dolce & Gabbana ormai è un segno del nostro tempo, un’icona ricca di storia che difficilmente potrà essere dimenticata.

7

You May Also Like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *